Pippo Civati: l’esempio della Valle Samoggia nel programma politico nazionale

“…l’esempio della Valle Samoggia dobbiamo metterlo nel programma politico nazionale..l’ultima fusione dei comuni che abbiamo fatto (in Lombardia) un consigliere del PDL ci ha spiegato che due comuni sul Lago di Como non potevano fondersi perchè “c’erano profonde differenze culturali”… non so tipo la Cina ed il Brasile…”

[youtube=http://youtu.be/0GPxacYE8Vg]

Perchè i veri campanilisti sostengono la Fusione dei Comuni della Valle Samoggia

Campane di Montebudello

“..si parlava di campanilismo, io nella mia vita amministrativa sono stato un autentico campanilista. Monteveglio è il mio luogo natio, il luogo dove, come dice Marguerite Yourcenar, “ho posato il mio primo sguardo consapevole”: mi piace la sua gente, i colori, lo vedo come il più bello del mondo. Ma il campanilismo non risiede solo in piazza: ad esempio alcune frazioni con la loro storia e la loro testimonianza devono vedere la presenza più forte della pubblica amministrazione e questa è una sfida proprio per chi è più geloso del territorio perchè il nuovo comune unico potrà portare qualche servizio in più vicino nella  frazione di ognuno. Il nostro è un territorio complementare, ci sono vocazioni da tenere insieme e da mettere a valore perchè altrimenti potremmo disperderle. Per questo i veri campanilisti devono credere alla Fusione perchè questi campanili possono suonare a festa per un territorio concepito nel suo insieme invece che sfidarsi solo a chi arretra più lentamente nella qualità della vita offerta ai propri cittadini”. (dall’intervento di Donini del 29 Ottobre a Monteveglio)

[youtube=http://youtu.be/fOzt7-txKCo]

[youtube=http://youtu.be/Gr3YWU1d9Ws]

[youtube=http://youtu.be/TZ4QoTS2FIo]

Diciamoci la verità – Fusione batte Unione 9(+9)milioni a zero.

Premesso che la questione economica legata al comune unico è importante ma non è la motivazione principale per il quale abbiamo avviato questo progetto, sempre l’altra sera a Savigno sugli incentivi regionali è stato detto che (testuale):

“gli incentivi regionali non sono 9 milioni ma 705mila all’anno che per dieci fa 7milioni e qualcosa…per dirla tutta per 3 anni 300mila euro per investimenti…dopo il decimo anno diventano 210mila..oggi l’unione riceve 450mila anno che se sparisce non ci saranno piu quindi 750mila euro (?!) meno 450mila quindi i 9milioni diventano 2,7…spero comunque di sbagliarmi su questa valutazione”.

Eh si, il relatore aveva ragione, si è proprio sbagliato di grosso su questa valutazione anche perchè è semplice MATEMATICA non sono opinioni personali.  Riassumiamo in modo chiaro il tutto.

La Legge Regionale sulla fusione dei Comuni della Valle Samoggia prevede:

  • anni 2014-2016 705.000euro + 300.000euro conto capitale
  • anni 2016-2023 705.000euro
  • anni 2024-2028 210.000euro

TOTALE: [(705+300)x3] + (705×7) + (210×5) = 9.000.000 euro

L’attuale Unione (dati consuntivo 2011) percepisce due macro categorie di contributi:

  • quella come territorio montano pari a 262.931,48, che RIMARREBBERO ANCHE AL COMUNE UNICO in quanto classificato montano e con essi anche tutti i fondi per gli investimenti che qui non cito; 
  • i contributi delle gestioni associate pari a 209.873,46 (oltre a 60mila dallo stato) che verrebbero sostituiti dagli incentivi per la fusione.

NOTA BENE: l’unione condivide i fondi anche con Monte San Pietro, il Comune unico ovviamente no, quindi si tenga conto del fatto che le risorse pro-unione vanno “divise” per sei comuni, mentre quelle pro-comune unico vanno “divise” solo tra i restanti 5 comuni che partecipano al progetto.

Conclusione: in definitiva calcoli alla mano, possiamo dire che il Nuovo Comune Unico avrebbe un vantaggio competitivo rispetto all’Unione dei Comuni di circa 9  milioni di euro ‘regionali’ in più netti, come in effetti si è sempre detto. A questi vanno aggiunti i 9milioni statali come ho già spiegato in questo post.

Diciamoci la verità – no alla disinformazione sul Comune Unico

Ieri sera al Teatro di Savigno (ringrazio per l’invito), si è svolta una iniziativa organizzata dai comitati contro la fusione dei comuni, Nel generale clima cordiale della serata che ha visto gli interventi dei relatori previsti, sono state date informazioni, purtroppo in molti casi, semplicemente non corrette. Per questi motivi al fine di introdurre elementi utili a tutti per arrivare a decidere come votare al referendum del 25 novembre ed evitare che certe decisioni siano prese su elementi palesemente errati, cercherò di darvi informazioni oggettive sui principali argomenti trattati. Parto da uno semplice semplice.

Il Sindaco Merola e l’Anci

Durante la serata è stato citato parte dell’intervento Anci del Presidente Delrio relativo al fatto che, giustamente, i Comuni non sono responsabili del dissesto finanziario nazionale e che stanno pagando per tutti con tagli lineari. Si dice che i Comuni non sono il problema, vero, e lo si decontestualizza facendo sembrare il discorso calato nella realtà della Valle Samoggia, richiamando più volte come questo sia il pensiero anche del Sindaco Merola.

Qui potete leggere come stanno REALMENTE le cose con la dichiarazione del Sindaco Merola a Bologna durante l’Assemblea Anci di qualche giorno fa:

“.. E invece in molti Comuni la risposta prevalente non è la rassegnazione, ma si reagisce facendo le riforme che, anche prima di questa crisi, erano necessarie. Voglio fare per tutti un esempio che riguarda la nostra realtà metropolitana: cinque Comuni della Valsamoggia (Savigno, Monteveglio, Castello di Serravalle, Bazzano e Crespellano) si fonderanno per dare vita ad un unico Comune. Una scelta che porterà miglioramenti ai servizi per i cittadini per mantenere alta quantità e qualità. L’Assemblea legislativa regionale ha dato il via libera al referendum consultivo che permetterà la fusione e mi auguro che il 25 novembre migliaia di cittadini andranno a votare per dare il via libera alla nascita del nuovo Comune. Dai piccoli Comuni di questo Paese può venire un grande contributo alla riforma di cui abbiamo bisogno. Noi Sindaci la nostra parte la stiamo facendo, anzi a dire la verità l’abbiamo fatta di più di tanti Ministeri e di altri enti locali…” Virginio Merola

http://www.comune.bologna.it/comunicatistampa/notizie/140:14731/

Capisco la necessità di fare propaganda da qui al 25, ma eviterei di dare (dis)informazioni palesemente errate.

Il cambiamento possibile: ecco le schede del referendum della Valle Samoggia

Una testa un voto. Presente e futuro nelle mani dei cittadini della Valle del Samoggia. Ecco le due schede sulla fusione dei comuni della Valle Samoggia che ci verranno consegnate nei consueti seggi elettorali lungo tutta la (sola) giornata di DOMENICA 25 NOVEMBRE.

In quella di colore GRIGIO decideremo se procedere alla creazione del Nuovo Comune Unico della Valle del Samoggia in quella di colore ROSA ne sceglieremo il nome. Votare è importante, arrivare informati lo è ancora di più. (www.fusionesamoggia.it)

Obiettivo ‘amianto zero’ a Monteveglio

Il Comune di Monteveglio, con ordinanza n. 21 del 4 ottobre, ha stabilito che tutti i proprietari di immobili (nel caso di condomini, i rispettivi amministratori) aventi coperture o altri manufatti di cemento amianto, devono provvedere alla rimozione e messa in sicurezza di tali edifici.

L’eternit o cemento amianto è un materiale purtroppo ancora abbastanza diffuso sul nostro territorio. Sappiamo bene quanto questa sostanza possa essere dannosa e quali rischi comporta per la nostra salute. Per questo motivo abbiamo ritenuto necessario procedere in tal senso  per promuovere il risanamento e la tutela dell’ambiente ma soprattutto per garantire la tutela della salute pubblica. Ringrazio tutti quelli che hanno contribuito a raggiungere questo primo importante obiettivo, a partire da tutte le forze politiche presenti in consiglio e dai tecnici che hanno dato supporto a questa operazione.

I proprietari degli immobili interessati dovranno presentare all’Ufficio Protocollo del Comune una scheda debitamente compilata specificando il tipo di materiale rilevato e quali siano le attuali condizioni. Dopo un’attenta valutazione delle stato di rischio, eseguita da figure professionali operanti nel campo dell’edilizia, si dovrà procedere alla messa in sicurezza che potrà consistere nella rimozione e smaltimento del materiale o in una sovracopertura.

Perchè 18 milioni di euro di incentivi per il Nuovo Comune Unico della Valle Samoggia

Vorrei tornare sul tema degli incentivi previsti dalla Regione Emilia Romagna e dallo Stato Italiano per i Comuni che avviano un percorso di fusione. La Regione, come noto, ha deciso di promuovere il percorso mettendo a disposizione 9 milioni di euro in 15 anni; lo Stato ha previsto una maggiorazione dei trasferimenti del 20% rispetto alla quota 2010, ovvero altri 9 milioni di euro circa in 10 anni. Pochi? Tanti? Beh sicuramente molti di più rispetto allo (sotto)ZERO previsto se stiamo fermi..

Ma è giusto avere tante risorse? La risposta è molto semplice ed è SI. Infatti gli INCENTIVI (= Stimolo, incitamento, motivo che spinge ad agire) servono proprio per agevolare processi che richiedono un particolare investimento iniziale in senso generale (tecnico ed economico) e che poi producono vantaggi strutturali e duraturi per l’intera collettività. Il processo di Fusione di Comuni e di semplificazione amministrativa, che da noi garantisce un risparmio di circa il 10% sui costi dell’apparato amministrativo, farà risparmiare, a regime, allo Stato circa 3 milioni di euro all’anno e questo vale l’incentivazione iniziale per l’avvio del processo. In pratica sono come gli incentivi al fotovoltaico che hanno permesso lo sviluppo della tecnologia che altrimenti avrebbe avuto tempistiche ben più lunghe.

Sono risorse certe? SI, indipendentemente dagli orientamenti sul sostegno a questo tipo di riforme che si deciderà di tenere in futuro, per la nostra fusione sono leggi approvate. In pratica nell’analogia del fotovoltaico i vari conti energia hanno ridotto gli incentivi ma per chi ha sottoscritto il primo conto energia 6 anni fa gli incentivi sono rimasti quelli previsti allora.

Quindi tranquilli, la Valle Samoggia non sottrae risorse a nessuno ma anzi ne genera per il proprio territorio e per tutto il Paese che potrà in futuro spendere meno in burocrazia, sopratutto se l’esempio dei nostri Comuni sarà seguito da almeno una parte degli altri 8000..

(ricordo che il progetto completo e tutte le info le trovi su www.fusionesamoggia.it)

L’esperienza della Revisione Civica per la prima volta in Italia

Si è conclusa Domenica sera con il voto del gruppo dei 20 revisori la prima esperienza di Revisione Civica della Cittadinanza (Citizens’ Initiative Review) svolta in Italia. Il tema scelto è stato quello della Fusione dei 5 Comuni della Valle Samoggia ed il risultato del voto è stato 16 favorevoli 3 contrari e 1 astenuto.

Ma in realtà il fatto più importante è la natura di questo innovativo processo partecipativo che supera il concetto di (non) partecipazione inteso “ti faccio partecipare per convincerti” ma, in un confronto serrato e senza rete, è il gruppo di revisione, estratto a sorte tra un campione statistico della popolazione, che elabora le ragioni per il si e quelle per il no, evidenziando pregi e difetti della proposta.

E’ per questo che ringrazio sia i tecnici che hanno coordinato e facilitato le sessioni di lavoro, in particolare Genius Loci e Cristiano Bottone , l’Università Australiana Dipartimento Democrazia Deliberativa che ha seguito la direzione scientifica, i relatori amministrativi e storici, i collaboratori di staff dell’Unione dei Comuni ed il gruppo dei venti revisori.

Vorrei anche ringraziare i colleghi Sindaci della Valle Samoggia per aver approvato all’unanimità questo percorso partecipativo sin dal primo momento in cui è stata proposta: non era affatto scontato vista la totale terzietà della gestione del percorso e della composizione del gruppo di revisione e quindi l’assenza di qualsiasi possibilità di controllo preventivo.

E’ stata una scelta importante e sono convinto anche molto conveniente per la buona riuscita di un progetto così complesso in quanto credo sia molto meglio conoscere prima potenziali problemi non ancora affrontati per analizzarli e risolverli.

Credo si debbano ripetere in futuro esperienze simili sui principali temi di governo locale, utilizzando anche i nuovi strumenti previsti dalla legge regionale, vista la particolare complessità dei tempi in cui viviamo che richiedono sempre più il supporto di una intelligenza collettiva per migliorare la qualità delle decisioni pubbliche.

La Valle Samoggia al voto per il Nuovo Comune Unico

Dopo l’approvazione nell’Assemblea Legislativa di martedì 18 Settembre con 30 voti favorevoli (gruppi Pd, Idv, Rc, M5S), 12 astenuti (Udc, Lega Nord, Pdl, Sel) e nessuno contrario, oggi è stato pubblicato il decreto del Presidente della Giunta Regionale Vasco Errani che indice il Referendum il 25 Novembre 2012 con i seguenti quesiti:

QUESITO 1) Volete voi che i Comuni di Bazzano, Castello di Serravalle, Crespellano, Monteveglio e Savigno nella Provincia di Bologna siano unificati in un unico Comune mediante fusione?

QUESITO 2) Con quale dei seguenti nomi volete sia denominato il nuovo Comune? a) Valle del Samoggia; b) Valsamoggia; c) Samoggia; d) Samodia.

Vi ricordo che potete trovare informazioni sul progetto su www.fusionesamoggia.it e che rimango a disposizione per qualsiasi chiarimento.

Buon voto a tutti!

Il peso insostenibile

I rincari della benzina, del gas, del mutuo, dell’iva, degli alimentari e poi imu, irpef, bolli sono solo alcuni dei problemi con cui dobbiamo quotidianamente fare i conti, enfatizzati da questa infinita emergenza finanziaria che da un lato richiede, avida, sempre più risorse dall’altro sempre meno ne mette a disposizione per vivere una vita degna di quel nome.

Da almeno dieci anni sentiamo parlare di equità, lotta all’evasione e riduzione dei costi dell’apparato burocratico (e nel nostro piccolo il progetto di fusione dei comuni può essere un primo e significativo passo) ma quasi nulla è stato fatto e ci si scandalizza se si controlla o pretende uno scontrino fiscale oppure se si prova a chiedere un contributo in più ai pochi che hanno tanto. Sempre più voci invocano un cambio radicale della concezione di economia e di crescita ed in generale di società, riconoscendo i limiti del modello di sviluppo che ci ha portato in questa situazione. Facciamoci sentire prima che il peso insostenibile di vivere questa epoca non renda più possibile il confronto per la costruzione di un futuro diverso. (editoriale Monteveglio – n°2/2012)