Le tradizioni e la tutela di persone e animali

Spettacolo pirotecnico a tempo di musica a Rocca di Roffeno

Il Comune di Monteveglio, con ordinanza comunale n.15 dell’ 8 maggio 2012 , ha deciso di vietare l’accensione, il lancio e lo sparo di fuochi d’artificio su tutto il territorio comunale fino alla fine del mandato amministrativo.

La decisione è stato presa considerando che, l’accensione e il lancio incontrollato di fuochi d’artificio, sono spesso causa di disagio e oggetto di lamentele da parte di molti cittadini e potenziale fonte di rischio per l’integrità fisica delle persone e degli animali.

Il Sindaco, “in occasione di particolari manifestazioni, potrà autorizzare spettacoli pirotecnici musicali e/o silenziosi in deroga alla suddetta ordinanza, previa richiesta scritta e motivata dagli organizzatori”.

Per questo ho ritenuto di concedere la deroga per i fuochi del 18 di agosto, in quanto lo spettacolo pirotecnico presentato è quello usato di solito abbinato alla musica come ad esempio a Rocca di Roffeno o nella stessa Venezia, citata più volte come esempio. Infatti lo spettacolo è depurato da tutte le esplosioni superflue, come i botti di apertura e chiusura e altri effetti sonori tipicamente presenti negli spettacoli tradizionali, ed è stato ridotto a soli 15 minuti.

E’ quindi andato tutto bene? No.

Nonostante la correttezza amministrativa della richiesta e l’impegno da parte dell’azienda che ha realizzato lo spettacolo, anche le sole esplosioni necessarie per “accendere” il fuoco sono comunque ancora sopra il limite che avevo pensato quando ho emesso l’ordinanza. Pertanto tali tipi di spettacoli non avranno più le caratteristiche per avere la deroga da parte dell’Amministrazione e per il prossimo anno l’azienda e gli organizzatori stanno già studiando un nuovo tipo di spettacolo che utilizzerà effetti tipo ‘cascata’, tentando così di coniugare il tradizionale e apprezzato spettacolo luminoso con il rispetto per tutti i componenti della nostra comunità.

plutoeisidoro
Pluto e Isidoro che riposano..

Quando si intraprendono strade nuove e si cerca di praticarle, non solo a parole, si possono commettere anche errori di valutazione e me ne assumo la responsabilità, credo però che l’importante sia utilizzare le esperienze maturate per migliorare l’efficacia della norma e raggiungere così l’obiettivo prefissato (e quindi non spaventare neanche i miei due inseparabili ‘coinquilini’..).

Nessuno mai ci chiese: l’inferno nazifascista vissuto a soli 17 anni

gasiani_copertinaMi capita spesso di chiedermi se stiamo facendo abbastanza per evitare il ritorno di eventi tragici come quelli avvenuti durante il ventennio nazifascista. Poi, leggo il libro della testimonianza di un ragazzo di quei tempi, di soli 17 anni, che visse l’orrore della deportazione, di quegli interminabili giorni passati nell’inferno dei campi di concentramento e mi rispondo di no.

Il libro racconta la storia di Armando Gasiani e di suo fratello Serafino, nati a Castello di Serravalle, e residenti ad Anzola; una delle tante storie di quei milioni di ragazzi che nel momento più bello della loro vita hanno dovuto affrontare l’indescrivibile violenza dell’olocausto e hanno dovuto scegliere da che parte stare, rischiando la vita in prima persona.

dedica1dedica2Il racconto è un pugno dritto nello stomaco, duro e crudo nella descrizione della tragica realtà quotidiana della non-vita all’interno del campo di concentramento di Mauthausen, in cui il confine tra la vita e la morte è cancellato dall’indescrivibile violenza dei carnefici che gestivano la struttura.

E proprio nel titolo penso stia l’insegnamento più forte: i pochi superstiti, rientrati in Italia, furono messi nelle condizioni di non raccontare quell’orrore, quasi a voler seppellire per sempre quella pagina nera della nostra storia anzichè affrontare gli errori, figli in gran parte anche del cedimento populismo di quegli anni, che portarono al regime e alla guerra.

dedica3Non dimentichiamo quindi oggi quei ragazzi che hanno scelto di ‘resistere’ per fare in modo che tutti noi oggi possiamo ‘esistere’, in un mondo certo difficile, ma almeno libero e democratico. Ce lo dovremmo ricordare più spesso e avere almeno una briciola di quel coraggio e di dignità di quei giovani per respingere con forza chi quotidianamente insulta e tenta di distruggere invece che rigenerare quelle istituzioni democratiche nate dal coraggio di chi scelse di stare dalla parte giusta.

(questo articolo lo voglio dedicare al partigiano montevegliese Remo Righetti recentemente scomparso, qui sotto durante le celebrazioni del 25 aprile 2011)MO-AI11-FL-004

Grazie a OIPA e agli Amici di Zampa più adozioni (e meno costi)

Pluto
Pluto, ex-ospite del canile di calderara ora montevegliese di adozione.. 🙂

Ricevo e pubblico con piacere ed estrema gratitudine uno stralcio della lettera di Paolo Venturi di OIPA Bologna (bologna@oipa.org) in cui vengono rimarcati gli importanti risultati ottenuti in questi anni sul fronte della gestione dei cani abbandonati. Ringrazio anche per la disponibilità rispetto ad alcune ipotesi future di gestione della struttura sita nel comune di Crespellano.

“Egregio Sig.Sindaco,

dalla primavera del 2009 svolgiamo la nostra attività di volontariato all’interno del canile intercomunale di Calderara di Reno dove sono custoditi i Vostri cani; dopo quattro anni di impegno, è cosa gradita poterLa mettere brevemente a conoscenza dei risultati da noi raggiunti. Tra quelli presenti al nostro ingresso in canile e quelli entrati nel periodo 2009-2013, il numero totale di cani facente parte del Suo Comune è stato di 33 unità. Con orgoglio possiamo informarLa che, grazie al nostro lavoro, ed alla collaborazione con il gestore, sono custoditi ora nella struttura appena 3 cani. Considerato che ogni cane, in media, costa ad una Amministrazione tra i 1.000 ed i 1.200 euro all’anno, il Comune di Monteveglio ha risparmiato oltre 30.000 euro all’anno grazie al nostro contributo. Sono oltre 260 i volontari iscritti che possono accedere al canile dei quali oltre 30 stanno garantendo una presenza costante e intensa. Abbiamo creato un sistema per le adozioni e del controllo della loro qualità molto valido. Può vedere parte del nostro lavoro consultando il sito “www.canilecalderaradireno.it” oppure la pagina facebook “canile calderara di reno” Capendo inoltre le grandi difficoltà economiche in cui versano i Comuni attualmente, abbiamo investito parte del ricavato delle nostre attività promozionali per curare cani del Suo Comune con patologie fuori dall’ordinario che altrimenti avrebbero pesato sul Vostro bilancio comunale. Non possiamo, per concludere, dimenticare il grande aiuto dall’amico Gabriele Baldazzi e dalla Sua associazione “Amici di Zampa” che ha contribuito in modo sostanziale alla realizzazione di questi risultati”.

Da Amerigo a Savigno il Tour delle Premiate Trattorie 2013

20130702_232321Nella meravigliosa cornice della vie del centro di Savigno si è svolto il Tour delle Premiate Trattorie di quest’anno, padrone di casa Amerigo alias Alberto Bettini.

20130702_235139
l’opera di Gino Pellegrini

Cinque portate speciali preparate e presentate da cinque prestigiose trattorie che insieme hanno creato la magia culinaria di un percorso enogastromico di altissimo livello, allietato dalle note di artisti di primo piano, con la chiusura a sorpresa di Luca Carboni, e con il maestro Gino Pellegrini che ha dipinto dal vivo una particolare opera destinata all’asta per beneficenza.

amerigo

Dal Salento cinque paesi per una città: verso la meta della fusione

Logo“Costruiamo la Città” è il titolo scelto per la pubblica manifestazione che si è svolta il 25 maggio a Taviano (Lecce) promosso dall’associazione di cittadini Pentapolis il cui obiettivo è costruire una nuova città che veda fondersi insieme i 4 Comuni limitrofi, che già dall’anno 2000 provano a condividere scelte amministrative attraverso l’Unione Jonica-Salentina.

14.RELAZIONE_CAPONE1Oltre al sottoscritto che ha presentato l’esperienza della Valsamoggia, presente Loredana Capone, assessore regionale pugliese allo Sviluppo Economico e gia vice presidente della giunta guidata dal governatore Niki Vendola e i Sindaci, o loro delegati, delle 4 cittadine coinvolte.

01.PRESENTAZIONE DEL CONVEGNO_3

A presentare la serata e a moderare gli interventi il Coordinatore di Pentapolis, Rosario Casto, di Felline, che così si esprime riguardo alla manifestazione (dal blog http://www.pentapolis.info) : “Si tratta della prima <<cartina al tornasole>> sia delle ragioni della nascita e dell’azione di Pentapolis, sia della reale volontà dei cittadini delle 5 comunità di <<unirsi>> per dare vita a qualcosa di più grande e più funzionale alle esigenze – individuali e sociali – dettate dagli attuali tempi di crisi”. “Siamo comunque solo all’inizio di un cammino che si annuncia lungo e difficile, ma che apre prospettive per le nostre popolazioni che non possono rimanere nascoste per pigrizia o per paura di rischiare. L’esempio che ci viene dalla Valsamoggia – la fusione di 5 comunità assai più distanti delle nostre… – ci deve fare riflettere e considerare il peso degli ostacoli da superare in rapporto ai vantaggi che certamente deriverebbero dalla “formalizzazione” in senso amministrativo di una unità che di fatto già esiste”. 09.PUBBLICO_04Insomma, Pentapolis ci prova, forte anche dell’appoggio e della collaborazione di “Progetto Salento”, rivista sulle cui pagine già da tempo si discute sull’argomento e si confrontano le posizioni. Che apparentemente non esprimono netti e forti contrasti, ma solo sottili “distinguo” per niente invalicabili. Il Convegno – ribadisce il Coordinatore – “ha lo scopo di dare il “calcio di inizio” alla partita per poi tracciare un’iter verso la fusione che sia sì rapido, ma soprattutto democratico, cosciente e condiviso”.

11.DUO.MANNI_GAROFALOLa manifestazione è stata arricchita da alcuni importanti e blasonati artisti locali (Franco Manni, Ada Garofalo e Antonio D’Aprile) attraverso alcune rappresentazioni popolari di grande impatto. Ringrazio tutti gli organizzatori, gli artisti, l’assessore regionale Capone e gli amministratori locali. Naturalmente un ringraziamento speciale a Rosario Casto (allargato alla sua impareggiabile moglie), magistrale coordinatore e organizzatore della giornata e un grande in bocca al lupo a tutti i cittadini di questi cinque paesi, anima e cuore di un territorio meraviglioso. (foto Pentapolis)

Nasce la Consulta dei Giovani della Valsamoggia

urlLe Amministrazioni comunali di Bazzano, Monteveglio, Savigno, Crespellano e Castello di Serravalle hanno ricevuto nelle scorse settimane una petizione per la creazione di una Consulta dei Giovani, aperta a tutti i residenti della Valsamoggia di età compresa tra i 16 e i 30 anni e hanno deciso di accogliere la richiesta ed istituirla.

La Consulta dei Giovani della Valsamoggia dovrà essere uno strumento di democrazia diretta per favorire la partecipazione dei giovani cittadini all’attività amministrativa e alle decisioni che riguardano le nostre comunità, in particolare in questo momento, alla fase di costituzione del nuovo Comune di Valsamoggia che nascerà il 1 gennaio 2014.

La Consulta dei Giovani sarà completamente autogestita dai membri che vorranno farne parte e si autoconvocherà nei tempi e nei modi che saranno decisi nei primi incontri. Le Amministrazioni metteranno a disposizione i locali e la logistica necessaria allo svolgimento delle attività.

Tutte le ragazze ed i ragazzi interessati dovranno mandare una mail a consultagiovani@unionesamoggia.bo.it entro il 7 luglio 2013, in modo da venire ricontattati per il primo incontro di insediamento. Ti aspettiamo, non restare a guardare, vieni a dire la tua sulle decisioni che più ti riguardano da vicino!!

(qui gli atti adottati dal Consiglio Comunale di Monteveglio: deliberaallegato)

1°Gran Premio Comune Valsamoggia: Trofeo 5 comuni uniti

mainIn vista della nascita del nuovo unico Comune Valsamoggia che avrà luogo il 1 gennaio 2014, il mondo dello sport, come spesso è accaduto in questi anni, si fa precursore delle trasformazioni amministrative lanciando il Primo “Gran Premio Comune Valsamoggia di Ciclismo – Trofeo 5 Comuni Uniti” che vedrà gli atleti sfrecciare lungo un tracciato che toccherà le piazze di tutte cinque le municipalità del nuovo territorio.

L’idea – promossa dalla storica Unione Sportiva Calcara 1945 e sostenuta dalle attuali amministrazioni – è nata nell’ottica di dare il via a un percorso di promozione del nostro territorio basato proprio su quelle manifestazioni sportive e culturali che da sempre hanno contribuito alla qualità della vita dei nostri luoghi.

altIl passaggio degli atleti sul percorso – impegnativo soprattutto nell’ormai famosa salita di Zappolino, gran premio della montagna, scalata negli ultimi anni dai più grandi ciclisti professionisti di fama mondiale – sarà salutato da rappresentanti dello sport e dai cittadini del nuovo Comune Valsamoggia.

Un doveroso ringraziamento va a tutti gli organizzatori e agli sponsor che hanno creduto in questo progetto, primo evento del nuovo comune unico. Del resto è proprio lo sport che ci insegna che gli obiettivi si possono raggiungere solo se si fa squadra ed è quindi con questo spirito che facciamo un grande in bocca al lupo a tutti i giovani atleti!

Il Programma Completo (pdf)

Pranzo per Atleti e Accompagnatori Ufficiali  c/o Sala Mimosa Crespellano ore 11

Ritrovo – Verifica licenze: c/o Palazzo Garagnani (via Marconi 47 Crespellano) ore 12,45

Riunione Tecnica: Direzione corsa Giuria e Sorteggio auto al seguito c/o Palazzo Garagnani ore 13,45

Prova rapporti Piazza della Pace ore 14,15

Partenza da via Marconi ore 14,45

Locale Controllo Medico c/o Palazzo Garagnani Premiazioni Piazza della Pace ore 18

Gran Premio della Montagna al km 33 Zappolino e al km 70,5 Pragatto Alto A punteggio sui due passaggi verranno assegnati ai primi 3 classificati punti 5-3-1 In caso di parità varrà l’ordine di arrivo finale

Alla scoperta dell’Alta Via dei Parchi

altavia1Approvando la Legge n. 24 del 23/12/2011 su “Riorganizzazione del sistema regionale delle aree protette”, la Regione Emilia-Romagna ha deciso per una gestione delle proprie aree protette basata su cinque macroaree con esigenze di tutela e caratteristiche omogenee: Emilia Occidentale, Emilia Centrale, Emilia Orientale, Delta del Po, Romagna.

altavia2Nella macroarea Emilia Orientale rientrano i Parchi dell’Abbazia di Monteveglio, del Corno alle Scale, dei Gessi Bolognesi e Calanchi dell’Abbadessa, dei Laghi di Suviana e Brasimone, il Parco Storico di Montesole. Uno degli obiettivi prioritari della riorganizzazione è la gestione unitaria di tutte le strategie di tutela ambientale e di conservazione della Biodiversità fino ad oggi intraprese dai diversi enti. Il sistema di area vasta consentirà, inoltre, di fare emergere le eccellenze e renderle patrimonio comune, migliorando lo scambio di esperienze.

Nell’ambito delle iniziative proposte vi è la scoperta dell’Alta Via dei Parchi, inaugurata recentemente e che propone una serie di interessanti iniziative per il periodo estivo. Qui tutte le informazioni. Buona passeggiata a tutti  alla scoperta del nostro territorio!altavia_pianta_small

Biblioteca popolare Peppino Impastato: cultura e partecipazione contro illegalità e neopopulismi

logo_vett1Pochi giorni fa sono stato intervistato da un gruppo di ragazzi che ha costituito una associazione a Bergamo con lo scopo di aprire una Biblioteca popolare intitolata a “Peppino Impastato”.

“L’idea di creare un polo alternativo” – dicono i ragazzi sul sito bibliotecaimpastato.org  – “è per diffondere meglio la cultura e unire ad essa la partecipazione collettiva è sorta subito dopo l’atto unilaterale dell’attuale sindaco leghista di Ponteranica, un paesino poco fuori Bergamo, il quale ha rimosso la targhetta che intestava la biblioteca comunale al martire di mafia Peppino Impastato”.

Faccio i miei complimenti a tutti quelli che hanno reso possibile la realizzazione di questo progetto e ringrazio i ragazzi che sono venuti a Monteveglio per avermi consegnato la tessera della biblioteca popolare.

I libri possono essere inviati per posta o portati di persona al seguente indirizzo: “Progetto Biblioteca Popolare Peppino Impastato c/o ARCI Bergamo – Associazione di promozione sociale Via Quarenghi, 34 – 24122 Bergamo”. Per maggiori informazioni si può contattare l’indirizzo e-mail bibliotecaimpastato@gmail.com

tesserapeppino_ftesserapeppino_r

 

Gli Amici di Zampa e i volontari di OIPA alla Festa di Monteveglio: un grande successo!

GIO_8968Nel ringraziare tutti i volontari dell’Associazione Amici di Zampa di Monteveglio e il Presidente Gabriele Baldazzi, i volontari di OIPA e la Proloco di Monteveglio, organizzatrice della tradizionale Festa Medievale, ricevo e pubblico con grande soddisfazione questo contributo che premia il costante e qualificato lavoro di tuti voi a tutela degli animali.

da Gabriele Baldazzi – Amici di Zampa —————

Amiche ed Amici di Zampa, tutto benissimo domenica alle Feste da Medioevo di Monteveglio: nonostante il tempo non sempre amichevole, ottima la partecipazione di pubblico agli spettacoli ed alla ristorazione, ma soprattutto è stata un FANTASTICO SUCCESSO la presenza di una nutrita rappresentanza di meravigliosi pelosi, provenienti dai canili di Calderara e di Crespellano, ospiti del nostro gazebo assieme agli ineguagliabili volontari dell’OIPA.

GIO_9028Ben DUE ADOTTATI in tempo reale: l’inesauribile BIRILLO ha trovato la migliore delle sistemazioni proprio qui a Monteveglio, mentre il magico MERLINO ha fatto strage di cuori ma infine l’ha spuntata una bella famiglia di fuori alla quale, velocemente sbrigate le pratiche “burocratiche”, lo porterà direttamente “a domicilio” la sempre eccezionale Francesca.

Unica nota di grandissima tristezza il vedere mestamente ripartire “gli altri” verso le gabbie dei canili, compreso quel meraviglioso Tyson/Gosht, cane praticamente perfetto, con il quale in tanti hanno “sbordellato”, ma a cui infine nessuno ha voluto offrire la casa e l’amore che ampiamente si merita.

Comunque infinitamente grazie a tutti i volontari OIPA, a quelli che c’erano, quindi a Francesca, Rosi, Gabriella, Francesco, Silvia, Lillo, Annalisa, Marina, Alice, Simona, Maria, Letterio, Giovanni (e perdonatemi se ho dimenticato qualcuno!) ma anche a tutti gli altri che dedicano tempo ed amore ai nostri sfortunati Amici pelosi rinchiusi nei canili di Calderara e di Crespellano.

A completare il successo della giornata, anche il vivo interessamento di tanti Amici che hanno già dato la loro disponibilità a costituire il “Gruppo Volontari Canile di Crespellano”; a breve, assieme a Paolo Venturi, responsabile provinciale OIPA, avremo un incontro con l’Amministrazione Comunale per definire tempi e modalità dell’adeguamento di quella struttura in vista dell’inizio dell’attività del Gruppo.

A seguire ovviamente vi darò esaurienti informazioni sui risultati dell’incontro, sulla costituzione del Gruppo e sul programma delle attività, intanto, con un collettivo saluto di Zampa, vi inoltro una carrellata di belle immagini della giornata frutto della sensibilità di Giovanni (e tante altre le troverete sulla nostra pagina Facebook http://www.facebook.com/pages/ASSOCIAZIONE-AMICI-di-ZAMPA/120447714633360?v=info e dintorni!). ciao a tutti. Gabriele